Pelle Impura

Descrizione del fenomeno estetico

La secrezione sebacea è alterata sia a livello quantitativo sia a livello qualitativo: squilibri ormonali o, a volte, anche cattive abitudini portano ad un incremento della produzione di sebo, ma soprattutto ne modificano la composizione.

Un’analisi biochimica approfondita del sebo in tali casi rivela:

  • un aumento della quota di lipidi di superficie
  • un aumento di colesterolo libero, trigliceridi, paraffine
  • una diminuzione di squalene, cere, acidi grassi liberi; di questi ultimi si riscontra una maggior presenza di acidi grassi saturi rispetto a quelli insaturi

La riduzione di squalene e cere modifica la densità del sebo, rendendolo più fluido e facilitandone la fuoriuscita dalla ghiandola sebacea e dal dotto pilosebaceo, con una maggiore dispersione sulla superficie cutanea.

La modificata composizione del sebo gioca inoltre un ruolo fondamentale nella selezione della flora microbica cutanea: è nota l’importanza degli acidi grassi insaturi come batteriostatici e fungi statici.

La fermentazione della flora batterica porta ad una modificazione del pH cutaneo, portandolo da acido verso la basicità e rendendo la pelle un luogo dove i batteri possono proliferare indisturbati.

Descrizione dell’inestetismo

La pelle si presenta di un colorito grigiastro perché tende all’ispessimento, opaca, lucida sulla T facciale (il trucco non tiene bene), con osti follicolari dilatati.

La luce di Wood evidenzia comedoni di colore giallo o arancio secondo lo stato di ossidazione del sebo. Alla palpazione si evidenzia l’aumento di spessore e la presenza eventuale di microcisti.

Se sottoposta a trattamenti aggressivi e delipidizzanti può diventare una pelle sensibile.

Unità fondamentale

Ghiandole sebacee: producono una maggior quantità di sebo con una composizione alterata rispetto alla cute normale; questo facilita gli attacchi da parte di microrganismi e un’alterazione di pH.

Ambiente fisiologico

Microcircolazione superficiale: il sistema microcircolatorio sanguigno e linfatico sono intasati di scorie cataboliche che non riescono ad essere smaltite.

Fattori predisponenti

  • Squilibri Ormonali: un’alterata produzione ormonale stimola un’eccessiva produzione di sebo, alterato sia in quantità sia in qualità.
  • Sensibilità individuale delle ghiandole sebacee: ci si può trovare di fronte ad una particolare sensibilità alle stimolazioni ormonali delle ghiandole sebacee che modificano la produzione di sebo anche se la produzione ormonale è del tutto nella norma.

Fattori scatenanti

  • Esposizione solare: anche se in un primo momento sembra che migliorino le condizioni di questo tipo di pelle, si assiste poi ad un ispessimento della cute che riduce ulteriormente un regolare scambio di sostanze tra interno ed esterno e il drenaggio delle tossine.
  • Stress: può favorire un’alterazione della produzione ormonale e quindi influire sulla produzione di sebo

Il modo migliore per scoprire Haquos è attraverso un incontro con i nostri specialisti.
Iscriviti adesso per avere il tuo check-up gratuito!